sabato 28 marzo 2015

La gita delle "3P"

Nel soleggiato, e "vagamente" ventoso, ultimo sabato di Marzo, ho pedalato "a caccia" delle "3P".
Chi o cosa sono le 3P?
Sono Pivka-Postumia e Predjama, tre belle località che, messe assieme, ne viene fuori un giro niente male!

A dirla tutta questo giro, quasi ugualissimo, era stato il primo complebici, l'avevo già percorso il 14/11/2010.
Prima volta a Pivka;-)
Oggi, pur con qualche anno in più, il passare sulle stesse strade di allora, mi ha fatto tornare indietro nel tempo e, mi ha fatto capire di avere sempre la stessa identica passione (meno male;-)).
Quel giorno di novembre, tutto l'asfalto che incontravo era nuovo, tutto quello che vedevo era in "prime time".
Prima volta a Predjama;-)
Il tracciato era questo: Muggia, salita fino a Basovizza, da Lokev a Divacia e via nella "valle delle mele".
Giunti a Ribnica, solita svolta a sinistra verso Pivka.
Da Pivka a Predjama si transita davanti alle grotte di Postumia, famose in tutto il mondo (ho esagerato?).
Raggiunta Predjama, con foto obbligatoria allo splendido castello, si torna a casa via Landol-Hrusevje.
Sfiorata Radzrto si sale a Senozece e, complici dei lavori in corso, si raggiunge Sezana da Divacia in quella che Manuel chiama la "valle del vento".
"Tudei" ;-)
Ed oggi, di vento, ne ho preso parecchio!
Prima in faccia, mentre pedalavo verso Postumia, dove le imprecazioni mi uscivano persino da naso ed orecchie!
Poi alle spalle, da Divacia a Sezana, dove ho percorso l'intera tratta con l'ultimo rapporto dell'Alpe d'Huez in posizione da cronometro (grazie prolunghe!).
Arrivati appunto a Sezana, si passa davanti ai bianchi cavalli di Lipica e poi, si ripete il percorso dell'andata.
Predjama, è sempre un piacere;-)
Poco meno di 150km, poco più di 1500m di dislivello, personalmente ho sofferto parecchio tutti questi numeri non essendo più abituato a tale distanza-dislivello.
Mi sono però divertito un mondo, in un ipotetica tappa di una gara immaginaria che ho vinto al termine di una fuga durata 5 ore e mezzo...
Il ciclismo è davvero duro ma, ti da tanta soddisfazione!

Come dico sempre: la passione ce l'ho, sono le gambe che mi fregano;-)!
Bastianella31

mercoledì 25 marzo 2015

Casco nuovo, testa vecchia (più il video del Tritello!)

Piccola, ed umile, recensione del nuovo casco da cronometro (SH+ EOLUS) che (si vive una volta sola/crepi l'avarizia) mi sono regalato dopo esser riuscito a (s)vendere il mitico Rudy che mi ha accompagnato nelle prime due stagioni contro il tempo.

Ho preso questo casco per due motivi e mezzo:
1: ne volevo uno con la visiera, per vedere l'effetto che fa...
2: pedalando spesso a testa bassa, tipo Ariete (vedi foto: si, magari!), ne volevo uno senza coda, più compatto...
1/2: e che cavolo, mi piaceva una cifra, se non ci regaliamo le cose per le nostre passioni, non si vive di sole martellate sui...
Castroviejo, 171cm di potenza! La sua posizione, qualcosa di spettacolare!!!
Grazie al gentilissimo e professionale Andrea (Green bike Busseto, Puntorosso Wilier Triestina), in pochi giorni è arrivato a casa il nuovo casco.
Certo, fare affari con me è facile, "tu mi dici quello che devo pagare, ed io pago".

Ieri, debuttone in strada, nonostante mi vergogno discretamente perchè sto casco, sta meglio in testa a ciclisti ben più preparati del sottoscritto/superparacarro!

Vestibilità/calzata: voto 10
Temevo, avendolo preso a scatola chiusa, che mi stesse un po' stretto, dato che (nonostante sia totalmente vuota/ho il giro d'aria tra le orecchie) tengo una capoccia da 60cm e di solito la misura è di 55/59.
Fortunatamente, mi sta bello comodo!
Estetica: voto 10
Di un giallo fluo ipermegacafone, che ti vedono arrivare manco fossero stati avvisati via telegrafo, colpisce davvero molto (in foto, purtroppo, non rende come dal vivo:-().
Volevo prenderlo nero opaco ma, non essendo disponibile, mi è andata pure meglio, arrogante al massimo in una scala da zero a Zlatan Ibrahimovich...
(per l'amico Lorenzo "Jaques", c'è anche bianco!)
Ergomomia, ovvero visiera: voto 10
Ora, dopo averci pedalato, capisco tutto il proliferare, anche nel settore strada, dei caschi con la visiera.
E' come passare dal vedere una TV anni 80, ad una megaschermopiattoturboiniezione16valvole!
Un altro mondo, in ogni direzione c'è più campo visivo, senza l'intralcio degli occhiali che, inconsciamente, ogni tanto cercavo invano di premere contro il naso.
Ovvio, da rivedere in situazioni quali salite lunghe ecc., cose che personalmente non farò mai, dato che l'utilizzo è prettamente da crono (c'è anche la versione Triathlon, uguale come scocca ma dotato di diverse feritoie per l'aria).

Areazione: voto 4
Il logico rovescio della medaglia! Si suda, e parecchio...
Dopo circa 15km, ho iniziato a sentire le gocce colarmi sulle guance.
La situazione si è stabilizzata per poi, con la stanchezza del fine giro, ripresentarsi nuovamente ma...
E' un casco completamente chiuso, di più non si può pretendere.
La visiera comunque, non risente del sudore, non si appanna e non si sporca...

In poche parole, una ficata unica;-)
Amici Cronoman/woman, fateci un pensiero quando dovrete cambiare il vostro elmetto!!!

Questa immagine (fonte Italianjet.com), è un pezzo della scheda di un ciclista allievo, anno 1952/53:


Secondo queste indicazioni, dovrei essere un Campione!!!
1: esco sempre "dassolo" (alla Pancani).
2: seguo fedelmente il ritmo ridicolo che riesco a fare, gli altri chi li insegue (mi risulta impossibile).
3: mi metto a letto anche dopo un giro sull'asciutto, al massimo studio un poco di basso elettrico e sto con Coccolina.
4: qua invece non sono bravissimo, mangio sempre troppo...
5: questo punto, soprattutto per quanto riguarda le donne (sono loro, giustamente, a starmi lontano;-)), mi dovrebbe dare automaticamente la maglia gialla/rosa e di campione del mondo;-)!
6: chiederò in fabbrica di poter finire prima la sera, altrimenti sgarro il coprifuoco!!!

Video!!!
Piero PiterAir ha confezionato, con tanto amore, il video della 1a Sagra del Tritello.
E' davvero bello, un ricordo notevole di una fantastica giornata (l'edizione della Sagra 2014).



Per tutti i cronoamici, sabato 4/4 c'è una interessante gara: Cronometro Palata Pepoli

Nel prossimo post, vi ricorderò della bella manifestazione nostrana: la 3a Randonnèe della Giula!
Non mancate (si tiene il 12 aprile)...

Bastianella31

P.S. Vi saluto con questa piccola chicca.
A Muggia c'è una vecchia Wilier Triestina, restaurata fissa/single speed (ma con davanti le due corone originali).
Bellissimo il "ciclocomputer"!
Si intravede l'alabarda sulla forcella. Mondiale il tachimetro, con la rotellina che lavora sul cerchione...
Vedere per credere;-)
BS31

venerdì 13 marzo 2015

Il "Tre nazioni" con Thomas

Come gli "addetti ai lavori" ben sanno, la Cronosquadre della Versilia Michele Bartoli, è stata spostata a a data da definirsi per le condizioni meteo che han flagellato la Versilia nei primi giorni di marzo.
A prescindere che mi spiace non correre quella fantastica gara, auguro il meglio alle persone che han subito danni alle proprie cose e spero che possano risistemare le loro case al più presto...

Con il mancato debutto previsto per domenica, dopo 3 mesi passati a pedalare sulla bici da cronometro "da solo contro il vento", oggi super gita in super company!!!
Con l'Alpe d'Huez "tirata a lucido" (montata però con "cassetta corta" 12-23) ed un Thomas più in forma che mai, abbiamo fatto il "Tre nazioni Classic" ovvero:
-entrata in Slovenia da Ospo
-entrata in Croazia da Podgorje
-rientro in Slovenia da Socerga
-rientro in Italia da Skofje...

Dovendo, nel primo pomeriggio, andare al lavoro, il tempo a disposizione è calcolato quasi perfettamente quindi...
Via andare!
La giornata è fresca, purtoppo il sole non si fa vedere fino a fine gita, per Thomas è il primo Tre nazioni!

Il percorso, poco più di 95km con circa 1500m di dislivello, prevede una prima parte prettamente da scalatori, in questo frangente l'amico mi distanzia su ogni singola salita, oggi Thomas "Raider Esiedal" pedala davvero alla grande.
L'immagine del ciclista spesso in piedi, un po' legnoso, è solo un ricordo.
Il Thomas odierno, mulina una super cadenza da seduto, stargli a ruota è una faticaccia (bravo!!!).
Dopo avere saggiato le doti in salita di PieroAir nell'uscita col Team Wilier Triestina, un altro "Amico de bici" è pronto a dare battaglia, gli altri (Massi, Pozzo, Sandro, Daniele, Renzo ecc.) sono avvisati!!!
Le due Wilierine;-)
In Croazia, dove la "cima Coppi" è posta a circa 800mslm, fa fresco, dopo tanta salita si scende in picchiata verso Buzet.
Foto obbligatoria alla fontana di Brest...
Foto ricordo con super Thomas (dovevate vedere il tronco usato come cavalletto, un colpo di genio;-))
La parte più brutta del giro è da Buzet al confine di Socerga.
Parecchi kilometri di lavori in corso, gestiti malissimo, semafori che fan passare le macchine assieme nelle due direzioni, mezzi pesanti sulla strada e noi costretti a pedalare sulla ghiaia in mezzo agli scavi.
Sconsiglio vivamente il passaggio in questo tratto per qualche tempo, si rischia se non di cadere, come minimo di forare...

Rientrati in Slovenia, dove la strada volge pure a mio favore, Thomas inizia a "perder colpi" per poi, non avendo ancora sufficiente fondo, spegnersi a circa 20km da casa.
Da Tuljaki a Kubed, da Rizana a Skofje, pedalare è un piacere, con le prolunghe montate sull'Alpe d'Huez, andare in pianura diventa ancor più comodo...

Dopo quasi 4 ore e tantissime chiacchiere, la gita è finita, devo scappare a lavorare!
Ciao Thomas, grazie ed alla prossima;-).
Bastianella31
Qualche altro "Tre nazioni"...

P.S. Dopo quasi 6 anni di servizio, il mitico Sigma va in pensione...
A sinistra il vecchio Sigma Spartacus, millemila le battaglie sostenute;-)
Cioè, funziona ancora ma, in un giro è volato via il coperchio (la macchina che seguiva ovviamente l'ha schiacciato al volo;-)), poi son volati i tastini...
Essendo lo schermo "a vista", la prima pioggia lo potrebbe mettere ko!
L'ho sostituito con uno più semplice, in linea col "c'è crisi time", dove per lo meno ho la cadenza, l'unico dato su cui mi baso quando pedalo (cioè, quando "provo ad andare forte";-)).
Non sono un amante della tecnologia, lo ammetto, mi piace pedalare libero, a perdifiato, mosso da una specie di "inconsapevole ignoranza dell'essere"...
Ho tolto pure il profilo su Strava, dopo tre mesi (di cui due con account privato), l'ho chiuso.
All'inizio mi piaceva ma...
Non mi dava tutto questo "feed" (scrivere feed fa tanto "so quello che dico";-)), poi...
Pedalare con "la scimmia sulle spalle" di sta cosa che mi registrava, non faceva per me, è come una specie di Grande fratello (è tutta ovviamente un opinione personale, senza mancare di rispetto a chi piace Strava ecc.).
Il ciclismo è libertà, w il ciclismo!!!
BS31

martedì 10 marzo 2015

Pedalata e pranzo sociale per il Team Wilier Triestina

La seconda domenica di marzo, come consuetudine, inizia ufficialmente la stagione per il Team Wilier Triestina.
Partenza da Muggia...
Foto ricordo in casa Wilier Triestina;-)
Piero PiterAir...
Bastianella BS31...
Il ritrovo è in piazza Marconi a Rossano Veneto (tale piazza c'è anche a Muggia;-)), parecchi ciclisti alabardati rispondono "presente".
L'occasione per festeggiare, riunendosi tutti, è doppia!
Oltre a pedalare, possiamo rendere omaggio alle donne del Team nel giorno a loro dedicato.
Belli belli belli in modo assurdo (cit. Zoolander)
Il meteo è fantastico, l'aria è frizzante ed uno splendido sole illumina la doppia fila nero-alabardata che si dirige verso il Santuario di Monte Berico.
Giunti alla chiesa, c'è chi si ferma per la messa e chi prosegue verso San Gottardo...

I "tosi terribili" si giocano questo ambito Gpm perchè, anche se è una pedalata sociale, la sana rivalità dello sport non viene meno ed i cuori, cominciano subito a battere forte!!!
La strada che porta a San Gottardo, è una dorsale piena di strappi in doppia cifra seguiti da delle veloci discese.
Le splendide biciclette alabardate vengono messe alla frusta, è tutto un susseguirsi di cambiate per tenere la migliore velocità in vista del Gpm...

A scollinare per primi, due maestri delle salite, Michelangelo ed il muggesano Piero PiterAir!
Gli altri, seguono staccati di poco e dopo una barretta "obbligatoria", si torna verso il Santuario.
Nel rientro, sfortunatamente, Michele fora due volte e nonostante un Team di meccanici eccezionale, il resto della squadra riparte senza di noi in direzione Rossano Veneto.
Michele: iero messo ben, iero terzo...
Pompa, pompa...
Michele? El iera messo ben;-)
Per arrivare in tempo al pranzo, non ci resta che ripercorrere la strada dell'andata ad una buona andatura ed allora...
L'altro muggesano (io;-)), tira i compagni di squadra per una ventina di kilometri, sulla dritta statale che porta da Vicenza a "casa" naturalmente, per la legge dei "cronoman", perfettamente controvento!
Come in una cronosquadre, giungiamo a Rossano Veneto in tempo ed anzi, in prossimità di piazza Marconi (capisci di essere vicino all'arrivo quando il velocista Michele mette il naso davanti;-)), disputiamo pure la volata davanti a Villa Gastaldello...
Spazzolato tutto!!!
La mini-delegazione muggesana;-)
Al pranzo, ottime portate, tante chiacchiere ed allegria.
Si programma la stagione: chi vorrà vedere il giro d'Italia, le vacanze estive, la 24 ore Castelli e, sotto la mia spinta, la 6xAndrea;-).

La "solita" fantastica domenica, passata assieme agli amici del Team, con il Grappa a farci da sfondo e...
Arrivati ai saluti, c'è sempre un pò di amarezza e la speranza di, rivedersi il prima possibile!
Il video della giornata
Grazie Amici, grazie di tutto!!!
Davide BS31 & Piero PiterAir...

P.S. Quest'anno ero al pranzo con la Blade, per pura casualità, è la quarta bici con cui faccio la pedalata sociale.
Nel 2012, ero a Rossano con la GranTurismo, l'anno seguente con la CentoCrono e l'anno scorso con l'Alpe d'Huez.
Mi sembrava giusto che, anche la Blade, avesse il piacere del vernissage;-)!
La prima volta a Rossano Veneto;-)
2012, con la GranTurismo...
Sette giorni dopo il pranzo, in vetta ad un innevato Zoncolan con la bandiera del Team;-)
2013, con Piero e la CentoCrono...
2014, con Piero e l'Alpe d'Huez...
TEAM WILIER TRIESTINA, Rossano Veneto...
Bastianella 31

mercoledì 18 febbraio 2015

Non smettere di sognare...

E' nato tutto da una discussione su Bdc Forum...
Un simpatico utente, novello cronoman, ha chiesto come comportarsi alla prima gara e...
Sono piovuti tantissimi consigli!
Come tutti, ho detto la mia, per aiutare, nel piccolo, il "nuovo entrato" nel mondo del "tic-tac".
La discussione ha preso subito una bella piega, tante le dritte, utili a tutti, anche a chi ne sa di più.

Cavalcando l'onda del 3D, mi è tornata in mente la prima gara contro il tempo...
Fine 2012, la "vecchia" Centocrono in prestito dalla Wilier Triestina, tanta voglia e poca consapevolezza di quello che mi aspettava.

Sogno...
E' qua che entra in gioco la parola sogno.
Ognuno di noi ne culla qualcuno, anche chi pedala...
C'è chi vuole conquistare un Gpm, chi vincere la volata o, come noi "cronociclisti", percorrere un tratto di strada il più forte possibile, da soli oppure in squadra.
Quello che conta, è inseguire questo sogno, questo obbiettivo e, perchè no, farlo proprio!
Ho un ricordo nitido di quel giorno di ottobre e non è la classifica, la partenza o l'arrivo ma...
Di un tratto a metà percorso, quando il sole, in una mattinata grigia, aveva fatto capolino mentre percorrevo uno degli interminabili rettifili vicino a Sossano.
In quel momento ho visto la mia ombra, la sagoma del mio corpo posizionato sulle prolunghe, la "luna nera" della lenticolare, le gambe che mulinavano alla cadenza che "desideravo"...
Ero ad una crono, ero in gara, il piccolo sogno si era realizzato e, continua ancora oggi ogni qual volta salgo in bici ed ho la fortuna di partecipare a qualche manifestazione.
La vita, e lo sport, sono fatti di cose semplici...
Se riusciamo a farle nostre e goderne, non possiamo che essere felici di quello che facciamo!

Partenza...
...e...
Arrivo!!!
Tornando in tema "preparazione", sono venute fuori due scuole di pensiero.
I "tecnologici" vs i "casinari";-).
I primi, pur facendo praticamente le stesse cose dei secondi, si regolano con la frequenza cardiaca, suddividono gli esercizi, ed i relativi recuperi, in minuti e secondi esatti.
I secondi, casinari nel senso che fanno più a caso non che fanno casino, misurano lo sforzo durante l'allenamento con diversi metodi.
Bianco222 fa così: sono della tua stessa scuola di pensiero. Non ho né PM né cardio e divido in tre intensità:
1. Forte (ritmo che, rasentando la morte, potrei tenere un'oretta)
2. A manetta (ritmo che, sempre rasentando la morte, potrei tenere 30')
3. A tutta (ritmo che dopo 10' sono steso sul marciapiede)
Le prove in teoria le faccio A manetta che poi dovrebbe essere il ritmo gara (conto che i 10' extra arrivino da un bonus di adrenalina e porconi...)
Io cosi: su di una scala da zero a Bradley Wiggins (cit): forte, meno forte, agile, a tutta, come se non ci fosse un domani ecc...

Insomma, auguro al nuovo cronoman, di disputare una bella prova e che i nostri consigli siano utili alla sua causa.
Il succo credo sia questo...
Alla fine però, il bello delle crono e del ciclismo (vissuto "nelle retrovie"), é che puoi vincere senza arrivare primo...
Se batti te stesso, il tuo obbiettivo...Se sai che hai dato il massimo..."De uinner is???"Tu!!! 


Ho raccolto un po' di date di vari eventi (tutte crono tranne dove specificato).
Scrivo quelle a cui parteciperò, più altre che potrebbero interessare a qualcuno:
15 marzo: Cronosquadre della Versilia
12 aprile: Randonnèe della Giulia (TS) (Alabarda Bike Team)
1 maggio: Lavamund, Austria (Eisner cup)
2 maggio: Occhiobello (RO) (Cicloclub Estense)
11 maggio, Cronoscalata del Boschetto (TS) (ASD Gentlemen Trieste)
31 maggio: Frantschach, Austria (Eisner cup)
2 giugno: Occhiobello, cronocoppie (RO) (Cicloclub Estense)
21 giugno: Piacenza
19 luglio: Gran fondo Charly Gaul, (TN)
26 luglio: S.Paul, Austria (Eisner cup)
15 agosto: Albaredo d'Adige (VR) (Cicli Tagliaro)
30 agosto: Gran fondo Zoncolan (UD)
5 settembre: Ferrara
6 settembre: Marola Torri di Quartesolo (VI)
12 settembre: Cronocarsica, cronoscalata (TS) (Granfondo d'Europa)
13 settembre: S.Georgen, Austria (Eisner cup)
20 settembre: 6xAndrea, cronosquadre Jesolo (Pinarello)
20 settembre: Rampigada Santa, cronoscalata (TS) (Associazione Spiz)
Ottobre: Sossano (VI) da definire
Bruck am der Mur, Austria, da definire

Una piccola bozza per chi, come Forrest Gump (vai a 0:15), ha voglia di...
Correre!!! ;-)

Buona bici amici, Bastianella31

lunedì 2 febbraio 2015

Chissà perchè... Capitano tutti a me!

E' stato un gennaio molto proficuo, quasi tutto passato in sella alla Blade, tranne quando le gambe erano in croce o la strada faceva "schifo"...
Come kg, sono quasi al pari di Bud;-)
Ho deciso, "grazie" anche ad alcuni eventi, di continuare a scrivere sul blog solo di gare, gite lunghe e giornate particolari (pranzo-cena sociale del Team Wilier Triestina).

Ciclismo=amicizia e complicità?
Lo pensavo...
Lo pensavo davvero!
Credevo che, chi si mette in bici, è complice ed implicitamente amico di chi incrocia per strada.
A me, non sempre capita...

Due sono i fatti che mi han in qualche modo "ferito", perchè alla fine, sono solo uno che si mette in gioco, senza chiedere nulla a nessuno.

Poco tempo fa, nell'uscita in cui ero caduto, ho avuto la "fortuna" di superare a fine giro un ciclista triestino. Sul momento non mi ero accorto di conoscerlo, stavo solo provando a terminare la pedalata al meglio delle possibilità.
Nelle poche centinaia di metri che mi separavano dalla rotonda per ritornare a Muggia, mi si è incollato alla ruota e, una volta presa un altra direzione, mi ha urlato: "sei solo scena!!!"
Sentito il "complimento", e resomi conto di chi era, gli ho detto: "buon anno anche a te" (era il 2 gennaio).
Il personaggio, non contento di aver avuto l'ultima parola in strada e lavorando nello stesso stabilimento, ha raccontato ad un collega che: "Zugna è un esaltato, con la divisa Wilier Triestina ed il caschetto!!!"
"Purtroppo", ho solo la divisa Wilier Triestina (è la mia squadra!), il casco lo indosso sempre...
Quello che non capisco, è che il ragazzo aveva il casco anche lui e la divisa della stessa marca della bici su cui pedala per cui...
Qual'è la differenza tra lui e me???

Oggi, mentre facevo il vallonato verso Kubed col "rapportone" (sempre riferito alle mie gambe), un ciclista sloveno mi ha superato urlandomi: "gremo gremo tumorevarzo", qualcosa così, lo sloveno purtroppo non lo conosco.
Non avendo capito nulla di quello che mi aveva detto, gli ho sorriso e risposto: ciao!!!
Il fatto che abbia accompagnato la frase con un gesto tipo "datti da fare sei fermo" (infatti mi ha superato!), mi ha fatto capire che probabilmente andavo troppo piano per i suoi gusti o, per il fatto di pedalare su di una bicicletta da cronometro con la lenticolare.
Non ci posso fare niente, sul vallonato a sfavore (3-4% di pendenza), non riesco ad essere veloce (e fare cadenze elevate), uso quei tratti di strada per provare a rinforzare le gambe.
Arrivato al bivio Kubed giro la bici, e con la strada a favore, ripercorro gli 8km dell'andata facendo cadenza e velocità.
Tutto qua...

Quindi, se supero qualcuno, o vengo superato, l'importante è...
Che mi venga detto qualcosa "dietro"!!!
Questa cosa, francamente, mi fa restare male.
Doppietta Wilier Triestina in quel di Muggia...
Che poi, cosa centra che pedalo su di una bici da cronometro?
Mica chi possiede una Specy, Trek o Pinarello pedala veloce come Nibali, Cancellara o Froome!!!
Pedalo sulla Blade, con la lenticolare, perchè mi piace!
Per me, possedere la bici da cronometro, è un sogno che si è realizzato!!!
Tra l'altro oggi, nei 70km percorsi dopo il lavoro, ho pure fatto una bella media...

Credevo che quando uno pedala per passione, senza rompere le b...e a nessuno, senza mancare mai di rispetto agli altri, non dovrebbe ricevere questo trattamento.
Credevo ci fosse più complicità tra i ciclisti, e meno palloni gonfiati.

In questi 5 anni di ciclismo, ne ho subiti di sorpassi, non mi cambia la vita, ognuno pedala al meglio, ognuno ha il suo ritmo.

Ho chiesto anche ad Enrico, PiterAir e Bruno, se davvero l'immagine che si vede di me è quella dell'esaltato???
Gli amici dicono di no, mi "bastian"...

Approfitto di questo post, per salutare SergioPicio con cui una domenica ho bevuto un caffè mentre lui finiva il giro ed io lo iniziavo.
Per salutare, probabilmente non legge il blog, quel simpatico ragazzone in sella ad una Pinarello che ha condiviso alcuni km con me tempo fa, ringraziandomi di, parole sue, "averlo portato a spasso".
E' stato un piacere averti a ruota...
Sabato, ho accorciato la pedalata perchè, dopo tantissimo tempo, ho incrociato Bruno e l'occasione del caffè assieme, e di fare due parole, vale più di qualche kilometro percorso in meno...
5 anni in bici (per me, Bruno di più), 5 anni Amici!!!
Un saluto a tutti gli amici ciclisti, almeno a quelli che non mi reputano "solo scena" o "tumorevarzo"...
Bastianella31

giovedì 1 gennaio 2015

Buon 2015 a tutti, ciclisti e non...

Buon anno amici (e non;-))!!!
Auguro una bella annata, e stagione per chi corre, a tutti quanti!
In primis, a chi ho incrociato oggi per strada ovvero: Danka-Cris-Zio Piero ed il Team Pozzovivo (la Capitana e Max;-)).

Bellissima l'uscita odierna, dopo un 31 dicembre "freddino" (leggera la Bora su Trieste), per festeggiare l'anno nuovo una pedalata è quello che ci vuole!
Quando il sole si liberava dalla marcatura di alcune antipatiche nuvole, si stava veramente bene, una pacchia!!!

C'era ancora un po' di vento ma, roba a cui, noi locali, siamo abituati...
E' stata la prima uscita dell'anno, la seconda da quarantenne.
Dopo uno start agile, nel mezzo ho pedalato duro (duro per il sottoscritto), parecchi kilometri vallonati col 50/15 in posizione per poi, finire un po' sulle ginocchia ma...
Parecchio soddisfatto!
Bene così, Ivan (Team Energy Bike Trento) ci ha iscritto alla Cronosquadre della Versilia, devo replicare (e migliorare!) la buona prova dello scorso anno sia a livello personale che per l'onore di essere loro ospite!

Ovviamente, il primo giorno dell'anno si pensa pure a quello appena passato.
Dicono che il 3 è il numero perfetto (sbagliato, è il 31;-)), ed allora ho scelto 3 immagini che racchiudono il 2014...
La cronometro di Muggia, la curva Wilier Triestina...
Lo Zoncolan da casa, il ZZTop!!!
La cronocoppie (e squadre) con Paolo Mezzone Generali!!!
1. La foto della curva Wilier Triestina a Muggia, in quella che è stata la prima volta come "organizzatore" di una cronometro, esperienza super, molto diversa dal correre...
2. Con Cristiano, sullo Zoncolan, in quella che è stata un avventura lunga da casa alla vetta del Kaiser. L'unica salita che amo, l'unica che veramente mi emoziona e che, nonostante sia scarso come pochi, merita di essere scalata "tutta d'un fiato"!!!
3. Con Paolo a cronometro, il succo del "mio" ciclismo, una foto che vale per tutte le gare che ho corso e che correrò.
Una specialità che mi ha stregato, che mi ha fatto conoscere persone nuove (saluto di cuore tutti, anche gli amici delle GF), che mi affascina, che mi libera "la mente" quando prendo la bicicletta "normale" e mi faccio delle belle gite senza pensieri...

Però...
Concedo un bis, dovuto, a tutto quello che ruota attorno a me!
Il Team Wilier Triestina!!!
Senza di loro non ci sarebbe un Bastianella Spartacus 31, ci sarebbe solo un ciclista X che "cazzeggia" in Italia/Slovenia/Croazia/Austria...
Se, negli ultimi 3 anni, sono diventato quello che sono, come persona e ciclista, lo devo anche agli amici di Rossano Veneto che mi sopportano/supportano, dandomi la loro amicizia!
Grazie a voi, buon anno Team Wilier Triestina!!!
Il Team Wilier Triestina al gran completo in Villa Caffo (Rossano Veneto)
Che il 2015 vi porti tutto quello che desiderate, personalmente...
Ho Coccolina, ho il ciclismo, spero sempre nella salute/lavoro, tutto il resto...
E' oro che cola!!!
Bastianella31
Coccolina scrive il blog...

BS31