sabato 2 novembre 2013

Sul Zoncolan con l'Alpe d'Huez, la 9a perla...

Come svezzare per bene una bici?
Qual'è il battesimo migliore per la propria due ruote?
Ovvio, il Kaiser Zoncolan da Ovaro!!!

Personalmente sono alla nona puntata sullo Zoncolan, 8 da Ovaro ed un Sutrio.
Portai la Mortirolo in vetta a Maggio del 2010, pedalavo da 6 mesi e fu una fantastica ed umidissima giornata!

prima, bagnata, volta sulle rampe dello Zoncolan...

la Wilier Triestina Mortirolo al tornante dedicato a Pantani...
Ci fu poi il mitico "triplete", Ovaro-Sutrio e Crostis nella stessa giornata: la Tripletta!!!

Ovaro...

Sutrio...

Crostis...

Ad ottobre arriva la nuova Wilier Triestina GranTurismo ed allora, i primi di novembre...

lo stadio, panorama paradisiaco dopo l'inferno della salita...


Dopo il passaggio al Team Wilier Triestina, una sortita disturbata dalla neve con piede a terra all'uscita delle gallerie, in vetta si scende con gli sci in direzione Sutrio ma, la bandiera della squadra è arrivata a destino (le altre bellissime immagini dello Zoncolan con la neve: Album set Zoncolan)!!!

il Team Wilier in vetta al Kaiser...
Arrivata la Cento1Superleggera, tour de force con tre sortite in tre mesi!
Giugno in solitaria con record personale (1 ora e 6 minuti), luglio con gli amici Piero e Thomas (In tre sul Zoncolan) ed in agosto in gara come terza salita della prima tappa della Carnia Classic 2012.

new bike, new record;-)

prima volta in company, e che company!!!

finalmente in gara, parecchio traffico lungo l'ascesa;-)
Dopo la Carnia Classic c'era stato il passaggio alle gare a Crono, venduta la Cento1Superleggera all'amico Dante, con la CentoCrono e la Blade salire sul Zoncolan era diventato impossibile fino a...

31 ottobre, si va!!!
Fino all'arrivo dell'Alpe d'Huez, con i rapporti giusti per affrontare la scalata si è organizzata una super squadra d'assalto e puntata la sveglia alle 5:30 (alle 14:30 devo essere al lavoro), la gita al Zoncolan è partita alla grande!
Nella macchina blu, Luca Sagan;-) Iancer con la sua Cannondale Caad ed io, accompagnato dalla mia amica alabardata.
Nella macchina rossa, l'ammiraglia, i direttori sportivi Romano e Silvano, simpaticissimi ed appassionati nell'essersi alzati all'alba per vederci scalare la mitica ascesa carnica.

Arrivati ad Ovaro, dopo tante chiacchiere e canzoni "gasanti", giù le bici e via, Luca parte subito, la sua tattica è salire con calma col 34-36, ci si vede in vetta.
Romano, Silvano ed io andiamo a salutare Antonella al bar Moderno, tappa obbligatoria e portafortuna nelle sortite carniche.
Antonella sapeva già del mio arrivo, d'altra parte quando mi muovo c'è parecchio subbuglio in giro (scherzo!!!).
Un caffè e due cornetti, "ciù is megli che uan", e sono pronto pure io, messi i copriscarpe arroganti da crono (per non dimenticare le mie origini;-)), percorro i 50m che mi separano dall'imboco della salita e via...

La temperatura è frizzante, poco sotto i 10°, ci penserà il Kaiser a scaldarci per benino, questo è sicuro!

Non sono un vero amante della salita, devo ammetterlo, i primi 2 anni di ciclismo ho provato a diventare un bravo scalatore ma, con scarsi risultati.
L'anno scorso c'è stata la mia evoluzione da gran fondista a cronoman, la salita è praticamente sparita dai miei allenamenti tranne nelle occasioni in cui esco con gli amici per delle divertenti gite.
Però, c'è sempre un però, lo Zoncolan è lo Zoncolan!!!

Questa strada è magica, mi trasmette emozioni che ho provato solo sul suo asfalto, pure la sua conformazione è unica ed è un pò il succo della vita: poco più di 10km da suddividere in tre parti.
I primi 2 con pendenze arcigne ma umane, numeri che si trovano anche da altre parti, da Ovaro a Liariis passando per Lenzone, si è in mezzo alle case, è perfino divertente come tratto, è un pò la quiete prima della tempesta.
Dopo la spianata di Liariis, con saluto obbligatorio a Villa Genziana, si entra nella strettoia monte Zoncolan, 6mila metri d'inferno!!!
"Catapultati" nel bosco, ci si trova a fare i conti solo con con se stessi e con le pendenze mozzagambe della ex mulattiera, in questo periodo ci sono già diverse foglie secche per terra, i colori dell'autunno risplendono, semplice e pura magia...
Si va talmente piano che si contano le pedalate a mente, il cuore batte così forte che sembra di sentirlo, l'aria è fresca e pulita, nonostante sia veramente dura non si vorrebbe essere in altro luogo di quello in cui si è!!!
I cartelloni con le foto dei Campioni fanno il conto dei km che mancano alla vetta, dalla foto di Bottecchia a quella di Simoni è un apoteosi di emozioni, ci si sente così piccoli al loro cospetto ma allo stesso tempo si è dei grandi perchè sull'asfalto a pedalare e mettersi in gioco, siamo noi!!!
Campione dopo Campione la mente e le gambe aspettano la foto di Marco Pantani, dopo la sua immagine lo Zoncolan torna più umano e dall'inferno, passando per il purgatorio delle tre gallerie, si vola verso il paradiso della Stadio, usciti dalla terza galleria lo sguardo non può che andare alla vetta, manca solo l'ultimo sinuoso e spettacolare kilometro!

Una delle salite più dure del mondo, in una delle regioni più belle del mondo;-).

Oggi è toccato a noi, Luca ed io siamo saliti in cima, per me l'occasione era doppiamente speciale: portare la nuova bicicletta in vetta e "timbrare" il cartellino del Kaiser per la prima volta nel 2013.
A rendere il tutto unico ci han pensato Romano e Silvano, ci han seguito lungo l'ascesa, ci han scattato le foto ed atteso al gpm per darci i vestiti per scendere a valle. Mentre Silvano scattava, Romano ci correva a fianco come fossimo dei ciclisti del Giro d'Italia, se non è passione la loro, da restare senza parole.

alla ricerca dell'asciutto, il primo tratto della strettoia è proprio duro!!!

seduto e composto, pensavo peggio;-)

foto by Silvano, Romano controlla vicino all'ammiraglia...

foto by Luca, l'uscita del tornate Eddie Merckx...

con Luca che mi "punta" l'obbiettivo, mi scappa da ridere;-)

ghigno di fatica sulla bocca ma, gli occhi sorridono...

il tornante Pantani, Romano come i veri tifosi vuole sfiorare il Campione;-)

cara Alpe d'Huez, neache una settimana di vita e già un Zoncolan in bacheca. Chi ben comincia...

il mitico duo...

con i direttori sportivi...

lo Stadio del Zoncolan, il paradiso per ogni ciclista!!!

Alla fine, pur salendo a ritmo gita, ho fatto "solo" 9 minuti sopra al "personal best time", un'ora e quindici in sella alla fantastica Alpe d'Huez, considerando il materiale di cui son fatte le nostre bici, si potrebbe definire il trionfo dell'alluminio!!!

Luca è stato un grande, Romano e Silvano davvero unici e...
Sergio e Franco nel frattempo scalavano l'inedito e durissimo terzo lato del Zoncolan, quello da Priola!!!
Finita l'avventura gli amici sono andati tutti a pranzo assieme, per quanto mi riguarda, dopo un brindisi al bar Moderno, alle 12:00 son dovuto ripartire per arrivare in tempo al lavoro...

l'arrivo di Luca in vetta!!!

Il RE del Zoncolan, Sergio "Picio", tutti e tre i vestanti nel 2013...
Un mito!!! Il mio maestro...

e anche Priola è stata spianata...

Sergio Picio, il Re del Zoncolan!!!
Chiudo questo emozionante racconto ringraziando ancora di cuore chi ha reso possibile questa avventura, grazie per essere stati gentili nell'accettare i miei orari e nell'accompagnarmi in questa meravigliosa ed unica mattinata di Ciclismo...
L'apoteosi dell'amicizia sui pedali...
Grazie, Bastianella 31...





6 commenti:

  1. e bravo Davide il poeta dei pedalatori ......mitico.....grande e superlativo nel fare le sue prove , nulla lasciato al caso ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Presidente;-) B31

      Elimina
  2. grande servizio come sempre MITICO DAVIDE. SERGIOPICIO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao RE, ci vediamo presto per festeggiare la tua impresa;-) B31

      Elimina
  3. Oggi ciò che colpisce di più del tuo racconto è la passione delle persone che ti hanno accompagnato nella tua impresa...una lezione di vita per tutti!!! Spero di riuscire a fare un'uscita assieme appena possibile, a presto Grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ritengo fortunato ad avere tanti amici speciali (tra cui te!!!), sono lusingato della loro amicizia e dei loro gesti, spero ovviamente di averli e meritarli per quello che sono, perchè loro vedono in me quello che io vedo in loro;-)
      a presto mitico!!!

      Elimina