giovedì 6 marzo 2014

Amarcord, "3 gf 3": la Fausto Coppi, la Maratona dles Dolomites e la Selle Italia

Tra le varie granfondo che ho affrontato, queste tre sono particolari per diversi motivi.

La Fausto Coppi, stagione 2010, fu la prima gf a cui andai da solo.
1400km di macchina tra andata e ritorno, un percorso davvero duro e spettacolare che si snodava da Cuneo fin sulle Alpi Cozie.

la planimetria, marchiata 2009 ma uguale a quella che ho affrontato...

Questa gara è legata a doppio filo con la MDD del 2011, chi conquistava il Prestigio 2010 passando da Cuneo (gara alternativa per chi era stato escluso dai sorteggi di Corvara), l'anno seguente aveva il posto assicurato alla Maratona dles Dolimites!
Così fu per me...

La Fausto Coppi, 9ore e 30 per portarla a termine, mi mise a dura prova!
Tre delle quattro salite presenti eran veramente dure: il Sampeyre, il Fauniera (Colle dei Morti) e la Madonna del Colletto...
Salite, e discese, rese celebri pure dai passaggi del Giro d'Italia negli anni precedenti.

Lo studio delle salite;-)

Cosa ricordo di questa granfondo???
Tanta fatica e tanta soddisfazione!!!
200km con oltre 4000 metri di dislivello, freddo (4° centigradi) e fame sul Fauniera, l'arrivo in piazza Galimberti con in mano la foto di Ralf che se n'era andato in cielo esattamente un anno prima (dando il via a questa improvvisata "carriera" ciclistica)...

Il Monviso, dove nasce il Po, mi accompagna sul Sampeyre...

Il Sampeyre è quasi finito...

In picchiata verso la valle...

Concentrazione...

Sul Fauniera, freddo-fame-crampi!!!

Il gpm è vicino (notare com'è vestito il pubblico!!!)

In discesa, fa freschino;-)

L'ultima fatica, la Madonna del Colletto...

Alcune gocce di pioggia mi rinfrescano verso Cuneo...
Tra l'altro, scendendo dal Fauniera, ero uscito pure di strada: un'esperienza che fortunatamente non ho più ripetuto...

La Maratona dles Dolomites 2011, unica ed irripetibile, la sola granfondo con la strada totalmente chiusa al traffico.
Elencare le bellezze di questa manifestazione è quasi superfluo, lascerò parlare le splendide immagini della domenica passata sulla giostra delle Dolomiti!!!



Partenza!!!

Campolongo...

Sella...

Gardena, il cameraman cerca un'intervista impossibile col Bastianella;-)

Dal Giau al Falzarego...

Valparola...

Con la Marmolada sullo sfondo, si vola verso Corvara...

Mi ride anche il c..o!!!

La gioia dell'arrivo nel filmato in diretta dal traguardo...




La Selle Italia 2012, pur con un percorso leggermente più facile del 2010, è stata la prima corsa con la divisa del Team Wilier Triestina.
Un ricordo molto forte, con il Team al completo in Belgio al mitico Giro delle Fiandre, ero l'unica maglia nero-alabardata presente in gara.
Una bel modo per iniziare, con orgoglio ho dato tutto, conquistando un ottima posizione in classifica (per le mie capacità).
Ho notato, ripensandoci, che proprio in quella gara cominciavo a prediligere la pianura alla salita.
Un indizio a cui non feci caso, successe anche nelle granfondo successive, che mi porto a fine anno a passare armi e ritagli (minuto 1:17, citazione d'autore;-)) alle gare a cronometro...
Ecco le immagini della sortita a Cervia in maglia Team Wilier Triestina!!!

Discesa...

Salita...

Pianura, controvento:-(

Ultima curva 2012...

Ultima curva 2010...


Orgogliosamente Wilier Triestina!!!
Mini intervista sul Cicloturismo...
Che dire, tre granfondo che mi sono rimaste nel cuore...
Kilometri ed emozioni che questo sport mi ha regalato, senza chiedermi nulla, solo di essere...
Bastianella31

Nessun commento:

Posta un commento